Home Sport (Video) Gravina ha detto sì! L’eccellenza riparte

(Video) Gravina ha detto sì! L’eccellenza riparte

0

Tanto tuonò che piovve!

Il gruppo “l’Eccellenza deve ripartire”, ha vinto. Dopo 1° Consiglio Federale, post rielezione del 2° mandato del Presidente Gabriele Gravina, massimo dirigente del calcio italiano, è ripartito il temporale.

Tanti lampi e tuoni prima di questa decisione, con frequenti colpi di scena.
Tra questi, quello della grave dimenticanza di richiesta da parte della stessa F.I.G.C. al C.O.N.I., circa la rilevanza nazionale della Eccellenza, come la Serie D, in quanto ad essa propedeutica.

Poi con la richiesta formale della L.N.D. (Lega Nazionale Dilettanti), presieduta da Cosimo Sibilia, sconfitto dallo stesso Gravina alla corsa della poltrona più importante della F.I.G.C. e la conseguente ratifica del C.O.N.I. quale campionato di rilevanza nazionale, Gravina è stato posto davanti a fatto compiuto.

E dopo l’attesa riunione della mattinata, verso le 13 è giunta la dichiarazione dello stesso Presidente Gravina, di origini di Castellaneta, già Presidente del miracolo Castel di Sangro (in Serie B) e della Lega di Serie C.

Un paletto lascia perplessi: non ci saranno retrocessioni dalla Eccellenza alla Promozione.

Sarà la riunione federale del prossimo 10 marzo a stabilire criteri ed eventuali suggerimenti alle Leghe regionali per i format.

Mentre è contenta la fazione di calciatori, allenatori e parte dei tifosi, sono molti i mormorii di società che ritengono il campionato senza retrocessioni, un bluff, con dubbi sulla validità agonistica e regolarità tecnica.

Ricordiamo che invece i campionati dalla Eccellenza in giù, sono stati già annullati.

Sarà quiete dopo la tempesta?
Boh, molto improbabile!

Articolo precedenteVaccini: accordo firmato Regione Puglia-medici di base, somministrazione a casa dei disabili over 80
Articolo successivoNessun cambio per la Puglia, resta in zona gialla

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.