Home Calcio Il destino del Corato calcio legato a quello del Barletta

Il destino del Corato calcio legato a quello del Barletta

0

Ancora chances per la squadra di Maldera di raggiungere i playoff nazionali, se il Barletta vincesse la Coppa nazionale. Sarebbe spareggio vs. il Sava (2^ girone B)

Tutte le strade portano a Roma e non c’è tempo nella vita per avere nemici.
È noto a tutti che l’accesso dal campionato di Eccellenza a quello di Serie D, può partire da 3 strade diverse: da quella della vittoria del campionato, dal trionfo in Coppa Italia nazionale, dai playoff nazionali.
Il formato dell’Eccellenza di Puglia, checché ne dica qualcuno, era monco ed inconcepibile. È stato l’unico a non prevedere i playoff, decisione tra l’altro presa in corso d’opera (21 ottobre), dopo una smentita di 4 giorni prima. Il Corato calcio, nella società rappresentata dal Presidente Maldera e nello staff tecnico, non ha mai mollato, pur nella sfortuna di aver incontrato nel suo percorso un super Barletta dei record (su 36 gironi, 2° in Italia per media punti e reti segnate), con il Corato (3° in Italia tra le seconde, che sarebbe stato 1° se avesse vinto ieri).
Ma nel contempo si è lavorato da una parte in modo palese e con frecciatine, dall’altra ai fianchi, per dimostrare la necessità di un epilogo playoff regionali, ancor più dopo una vacatio regolamentare, che non prevederebbe un posto pugliese alla fase nazionale nel caso l’una vincente il girone (Barletta), vincesse la Coppa Italia nazionale e l’altra (Martina) vincesse lo spareggio.
Oggi ad un’emittente locale, l’apertura ufficiale del Presidente Tisci che, pubblicamente, ha dichiarato che nel caso si verificasse questa condizione, ci sarà lo spareggio tra le seconde: Corato e Sava.
Ed a prescindere da chi acceda alla fase nazionale, in semifinale si giocherebbe vs la vincente Playoff del girone B Sicilia, prima in casa e successivamente la vincente affronterebbe la vincente tra Sicilia A e Molise, questa volta giocando prima in trasferta.
Ed allora, ironia della sorte, tra società che si son date battaglia in campo, ma sempre rispettose tra loro, da Martina a Corato, a Sava, tutti a tifare Forza Barletta e forza Puglia!

Articolo precedenteNadia D’Introno, capogruppo Pd, sulla crisi dell’Asipu: “Il nostro impegno, salvaguardare il bilancio comunale”
Articolo successivoTruffe agli anziani: come difendersi?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.