Home Calcio Fabio Di Domenico torna in panca neroverde

Fabio Di Domenico torna in panca neroverde

0

Sarà il tecnico ruvese, 46 anni lo scorso 19 giugno, l’allenatore dell’Usd Corato calcio 1946, per la stagione 2022/23.

Un ritorno per lui a distanza di 2 anni, per l’esperienza terminata il 14 gennaio 2020, dopo aver condotto in testa il campionato di Eccellenza fino alla 15^ giornata, ultima di andata.
Di Domenico, dopo la trafila giovanile tra Club Milan Ruvo e A.S. Bari, fino alla Primavera, è stato a lungo calciatore professionista, nel ruolo di attaccante centrale, iniziando in C2 con il Molfetta e proseguendo nella stessa categoria nella Battipagliese e Taranto, ripartendo dalla D, con il Rutigliano, che anche grazie ai suoi gol, giunse in C2.
Approdò in C1 con Giulianova, dopo una breve parentesi con la Cavese, Sora e Vis Pesaro.
È ancora viva nel ricordo dei supporters pesaresi, la gara dinanzi ai 60.000 spettatori del San Paolo, quando mise in grande apprensione per 90′ l’intera difesa partenopea, super quotata, anche se la stagione che più lo ha contraddistinto è quella in C2 a Taranto, con cui vinse i playoff vs Melfi e Rende.
Dopo Brindisi in serie D, la carriera da calciatore si concluse a Corato, in cui appese le scarpe al chiodo e ripartì nella carriera di allenatore, nella Juniores neroverde e nella Pol. San Gerardo, spostandosi nei settori giovanili professionistici di Andria, Barletta e Matera, nella quale città, affiancò Mr. Cosco, prima di vincere il campionato di Serie D.
Da Cosco e soprattutto da Marco Giampaolo, suo allenatore a Giulianova, ha preso spunto per la sua filosofia di gioco, sempre in continuo aggiornamento.
Fu poi chiamato a salvare il San Severo in Serie D, in condizioni disperate, in 2 tappe diverse. Nella prima ci riuscì dopo una incredibile rimonta, in cui trasformò uno stitico attacco in super prolifico; non ci riuscì l’anno successivo, perdendo i playout.
Poi il resto è storia neroverde.
In bocca al lupo a lui ed al suo staff

Articolo precedenteTambone sul No al patrocino: “Non è bigottismo ma responsabilità, Miss Italia presenta le ragazze come corpi di merci”
Articolo successivoCorrado e il corpo delle donne

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.