Home Calcio Corato – Sava: dall’illusione alla delusione

Corato – Sava: dall’illusione alla delusione

0

Va in vantaggio con Di Rito, che fallisce il penalty del pareggio dei conti

Nino non aver paura di tirare un calcio di rigore…
È il 32′ del 2° tempo, quando Moncalvo di Collegno, proprio la cittadina piemontese dello “Smemorato di Collegno” capolavoro di Corbucci, dimentica nel libro del regolamento, il Vantaggio. Lo ha già fatto al contrario pochi minuti prima, quando per un fallo da ultimo uomo su Di Rito, lo concede a Cotello, che non concretizza, senza però prendere alcun provvedimento disciplinare.
Quello del 31′ è ancora più grave, perché fischia un penalty ai neroverdi, che anche gli stessi savesi non contestano per lo scampato pericolo.
La gravità sta nel fatto di non aver aspettato l’attimo che dovrebbe attendere un arbitro di grido e che lo avrebbe consacrato con la chicca del vantaggio, dopo tanti, forse troppi cartellini sventolati oltremisura.
Il pallone del calcio di rigore è pesantissimo, vale il pareggio dei conti. Solo uno di provata esperienza e carisma può incaricarsene. La responsabilità se la prende sulle spalle, uno che pochi minuti ancora prima, ha raggiunto i 250 goals in Italia: Nicolas Di Rito.
Solo chi non fa, non sbaglia. E l’argentino si è dannato tanto nei 180′ ed ha siglato anche il gol dell’illusione, nel 1° tempo.
Maraglino ipnotizza il centravanti coratino e para l’8° rigore della stagione. La gara scivola verso l’1-0. I ragazzi hanno dato tutto ciò che potevano, dimostrando di essere anche nettamente superiori, mettendo alle corde per gli interi 90′ i tarantini, che forti del 2-0 dell’andata, si limitano a difendersi con ordine, impensierendo Addario 1 sola volta nella 1^ frazione.
Rimane la delusione ed il rimpianto di una eliminazione, figlia di una partita di andata in cui di alcuni ci andarono solo i corpi, in cui di fronte alla passività dei neroverdi, il Sava sembrava stellare.
I tarantini esultano, ma potrebbe risultare una vittoria di Pirro.
Le speranze dei calciatori di Passiatore sono legate allo sdoppiamento delle vittorie di Barletta e Martina. Tifano Martina nella finale di campionato di domenica, per il Barletta in quella di Coppa. Poi si vedrà se potrà fare il biglietto per il viaggio in Sicilia, il Corato chiude invece mestamente la stagione.

Articolo precedenteFesta del lavoro, presso il cimitero una corona di fiori in memoria delle vittime
Articolo successivoAl Tannoia si parla di Legalità per colorare insieme un mondo di bellezza e di pace (Foto)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.