Home Basket Il palazzetto è sempre più una priorità per il Basket Corato: “Più...

Il palazzetto è sempre più una priorità per il Basket Corato: “Più fatti che idee”

0

A cura di Francesco Emmanuele Diaferia

Il numero uno della società coratina ha esplicitato che gli sponsor sono pronti a dar man forte all’amministrazione, qualora ce ne fosse bisogno, e che l’area è già stata trovata.

Ieri sera,  il Basket Corato, si è presentato ai propri tifosi, nel palazzo di città. La squadra a tinte neroverdi, dopo aver vinto il campionato di Serie C Gold, unita all’amministrazione comunale, ha voluto dare il proprio biglietto da visita ai loro sostenitori, nella sala consiliare del comune di Corato.

Prima della presentazione dei giocatori, c’è stato molto spazio per degli interventi da parte della dirigenza e di alcuni membri dell’amministrazione comunale. Il primo argomento trattato non poteva inevitabilmente che essere la costruzione di un nuovo impianto sportivo, che sostituisca l’ormai insufficiente “Palalosito”. A prendere la parola è stato il vicesindaco Beniamino Marcone, che dopo i saluti iniziali, ha chiarito l’operato dell’attuale amministrazione circa il nuovo palazzetto. A detta del vicesindaco il processo per la costruzione è già iniziato, ma sta alla squadra e alla società far sì che ciò venga stimolato, grazie alle vittorie della compagine allenata da coach Verile. Non si è fatta attendere la replica del presidente Marulli, il quale ha subito precisato di non voler puntare il dito contro nessuno, ma ha chiesto a gran voce “più fatti che idee”. Il numero uno della società coratina ha esplicitato che gli sponsor sono pronti a dar man forte all’amministrazione, qualora ce ne fosse bisogno, e che l’area è già stata trovata. Infatti il nuovo palazzetto occuperà circa 6000 metri quadri e avrà una capienza superiore ai 2000 posti. Anche perché per il ritorno in Serie B, da quest’anno “Serie B d’eccellenza”, per questioni di regolamento imposto dalla FIP (Federazione italiana pallacanestro), le panchine verranno spostate dalla loro postazione originale e messe davanti alla tribuna centrale con l’installazione di plexiglass protettivi che impediranno una chiara vista a chi prenderà posto in quella zona. A fare eco alle parole di Marulli ci ha pensato Cataldo Mazzilli, presidente dell’Adriatica Industriale e main sponsor del Basket Corato, che ha voluto sottolineare la caratura e l’importanza dei parquet che calcheranno quest’anno i neroverdi e perciò Corato non può essere da meno. Infine si sono espressi sulla questione anche il sindaco Corrado De Benedittis e l’assessore Adriano Muggeo, entrambi speranzosi di riuscire a sbrogliare questa fitta matassa il prima possibile. Un altro argomento trattato è stato quello relativo al minibasket e al baskin, punti di forza e di orgoglio della società neroverde, che ha incrementato gli esperti nel settore per migliorarne la qualità. Successivamente coach Verile ha dato le sue spiegazioni in merito alla pre-season del Corato, la quale è servita soprattutto per amalgamare la squadra, che perso giocatori fondamentali ma, grazie all’operato del direttore Francesco Martinelli, la società è fiduciosa nell’aver rimpiazzato nel miglior modo possibili i giocatori partiti. In conclusione c’è stata la presentazione della squadra, che ha perso pedine pesanti come Ouandie, Lutterman e Chiriatti, e anche giovani come Bucciol e Algie, ma che la società ha sostituito con gli innesti di Infante, Battaglia, Artioli, Gatta, tutti cestisti già abituati a giocare su questo palcoscenico. La serata si è conclusa con la presentazione della squadra giovanile e le parole di capitan Mauro Stella che ha avvisato i propri tifosi di aver ancora fame di vittorie e come lui tutta la squadra. Il Corato debutterà in campionato domenica 2 ottobre ad Avellino e giocherà il primo incontro tra le mura amiche, il 10 ottobre contro il Bisceglie.

 

Articolo precedenteArticolo 49: “Lavori fermi alla Santarella e via Trilussa chiusa al traffico, perché?”
Articolo successivoIl consigliere Mascoli sul comizio di chiusura di Abbaticchio: “La città non può subire questo oltraggio”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.