Home Basket Adriatica Industriale al PalaPoli a caccia del bis

Adriatica Industriale al PalaPoli a caccia del bis

0

Secondo capitolo della saga infinita tra Molfetta e Corato, stasera alle 20, ancora al PalaPoli per una sfida che si preannuncia durissima e spettacolare. Neroverdi reduci dalla splendida vittoria in gara 1 e intenzionati a mettere una seria ipoteca sulla serie B, Molfetta all’ultima chiamata o quasi davanti al proprio pubblico, senza Buljan, squalificato per l’espulsione comminatagli nella scorsa partita. Il match sarà trasmesso in diretta YouTube sul nostro canale a partire dalle 19:50.

Morale alle stelle in casa neroverde dopo la vittoria della scorsa domenica, ma guai a farsi prendere dai facili entusiasmi. La serie è ancora lunga ma la forza del gruppo messo sul parquet in gara 1 lascia ben sperare. Mentre la Dai Optical si affidava al duo croato per scardinare la difesa ospite (49 punti in due), l’Adriatica Industriale con una vera e propria cooperativa del canestro faceva male ai biancazzurri a più riprese e sempre in maniera differente (ben cinque giocatori in doppia cifra). La seconda partita in cinque giorni tra le due compagini più forti della Gold sarà comunque molto diversa, in quanto la squadra di casa dovrà fare a meno di Buljan. Certamente un brutto colpo per coach Gallo, che perde il giocatore più prolifico del torneo, ma questa assenza potrebbe diventare variabile impazzita in quanto la manovra della DAI Optical sarà meno prevedibile. L’Adriatica Industriale dal canto suo però, potrà contare certamente su un’arma che è stata forza motrice dell’intera stagione: il calore e l’entusiasmo del numerosissimo pubblico che domenica ha invaso pacificamente il palazzetto di Molfetta e che giovedì certamente non farà mancare il proprio calore.

Un match ancora più complicato di gara 1 aspetta Corato, ma questa squadra ha dimostrato quest’anno di essere più forte di ogni avversità e ogni avversaria.

Articolo precedente“Casa Unapol” al Cibus di Parma, Tommaso Loiodice: “L’olio extravergine di oliva non è un costo ma un investimento”
Articolo successivoLa rimpatriata dei calciatori del Corato, in trionfo nel 1983/84

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.