Home Scuola “Radici” di Rai3- L’altra faccia dell’emigrazione: l’Istituto Comprensivo Tattoli – De Gasperi...

“Radici” di Rai3- L’altra faccia dell’emigrazione: l’Istituto Comprensivo Tattoli – De Gasperi aderisce al progetto

0

La trasmissione televisiva di Rai 3 con ospiti Davide Demichelis e Ali Sonhu-Zambia.

Il progetto “Radici a scuola”, è promosso dal Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del Ministero dell’Interno, Fondo Asilo Migrazione e integrazione 2014/2020 ed è un racconto per immagini, storie di persone di altre culture: un viaggio autentico, tra esperienze che favoriscono a comprendere i territori, le particolarità e la ricchezza di ogni cultura e le differenze con la nostra utilizzando i contenuti  della trasmissione televisiva di Rai Tre “Radici”, curata da Davide Demichelis, che ne è autore e conduttore.

L’esperienza di “Radici”- L’altra faccia dell’emigrazione- è accolto nelle scuole italiane come occasione di conoscenza e testimonianza per far incontrare gli studenti con le storie di immigrati regolari, che costituiscono circa il 7% della popolazione italiana.

Nei reportage realizzati per “Radici” gli immigrati che vivono in Italia fanno ritorno nei loro Paesi di origine in un continuo oscillare tra memoria e presente, tra la cultura, la politica e la situazione sociale del loro Paese. Ogni protagonista diventa una guida d’eccezione: parla italiano e comunica direttamente le sensazioni nel ritrovare i luoghi natali e la sua gente, spiegando le ragioni che lo hanno spinto a lasciare la propria terra per trasferirsi in Italia.

Un altro importante progetto che contribuisce alla crescita personale degli studenti, a conferma che la loro formazione non si esaurisce solo con classico piano di studi

Per questo motivo l’istituto Comprensivo Tattoli  De Gasperi ha organizzato un incontro a distanza giovedì 25 con Davide Demichelis e Ali Sonhu, originario dello Zambia per la valorizzazione dell’educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell’assunzione di responsabilità nonché della solidarietà e della cura dei beni comuni e della consapevolezza dei diritti e dei doveri. Le classi coinvolte sono le quinte delle scuola primaria e le terze medie della scuola secondaria.

Articolo precedenteScuola, nuova ordinanza: Ddi per tutti fino al 14 marzo tranne che per alcune eccezioni
Articolo successivoLezioni in presenza, Emiliano: “Se vogliamo tornare a scuola dobbiamo prima vaccinare”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.