Home Scuola Per Sara Colasuonno il “sogno americano” è diventato realtà grazie al liceo...

Per Sara Colasuonno il “sogno americano” è diventato realtà grazie al liceo Oriani

0

Sara dall’Oriani alla East Surry High School per frequentare l’ultimo anno della scuola superiore americana, racconta la sua esperienza

“Prima di raccontarvi la mia storia, mi presento un po’: sono Sara Colasuonno, ho 18 anni e frequento l’ultimo anno del liceo classico “Alfredo Oriani” di Corato e il 15 agosto 2021 sono salita su un aereo dall’aeroporto di Roma Fiumicino per raggiungere l’aeroporto di Charlotte, in North Carolina per realizzare il mio sogno di vivere per un
anno negli Stati Uniti.
Ho avuto l’opportunità di vivere per 10 mesi in una piccola città chiamata Pilot Mountain, dove ho frequentato l’ultimo anno della scuola superiore americana, il cosiddetto “senior year” alla East Surry High School.
Vivere la vita americana, vedere un mondo che avevo visto solo nei film o letto nei libri era il mio sogno da quando frequentavo la scuola elementare e addentrarmi in questa nuova realtà ha superato tutte le mie aspettative.
Oltre che migliorarmi da un punto di vista accademico, considerando la maggior padronanza della lingua inglese e la possibilità di studiare tante materie che non fanno parte del mio attuale corso di studi, questa esperienza mi ha permesso di maturare molto e scoprire delle parti di me che erano ancora ignote.
È stata un’esperienza che mi ha dato l’opportunità di provare tante emozioni e situazioni nuove, ho fatto parte della squadra di cheerleading della mia scuola, nonostante non lo avessi mai fatto prima, e ho preso parte alla squadra di atletica, confrontandomi con tante persone diverse anche da altre parti degli States.
Sono state numerose le soddisfazioni ottenute in quest’anno: sono riuscita a diplomarmi, partecipando alla famosissima cerimonia del diploma e potendo così iscrivermi ad un’università americana; ho ricevuto dei premi dalla scuola come alunna meritevole; sono arrivata prima in una gara di atletica!
Ho avuto la fortuna di trovarmi in una famiglia ospitante che mi ha accolto con tanto amore e che è sempre stata molto disponibile, inoltre ho vissuto con una ragazza tedesca la quale è diventata col tempo la mia migliore amica e con la quale ho tutt’ora un rapporto meraviglioso.
In generale, quest’anno vissuto a Pilot Mountain lo considero l’anno più ricco di emozioni e crescita personale che io potessi vivere, ho avuto la possibilità di soddisfare il sogno della piccola Sara e di scoprire una nuova parte di mondo, ma anche di me stessa.”

Articolo precedenteRimpatriata dei calciatori Us Corato 87/88 che sfiorò per 1 punto la Serie C
Articolo successivoNMC, è tempo di ritornare in campo: al PalaLosito arriva Bari!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.