Home Scuola e Legalità I.I.S.S “Oriani-Tandoi”, a lezione di legalità con Pinuccio e Lella Fazio, genitori...

I.I.S.S “Oriani-Tandoi”, a lezione di legalità con Pinuccio e Lella Fazio, genitori di Michele, vittima innocente di mafia

0

Straordinario incontro col papà e la madre del ragazzo ucciso a Bari vecchia nel 2001
Corato, 23 novembre 2022 – Una mattina straordinaria, coinvolgente, emozionante, per gli studenti delle classi quarte dell’I.I.S.S. “Oriani-Tandoi”. Si è rivelato un incontro ricco di emozioni e spunti di riflessione, all’insegna del rispetto delle regole e di una didattica della storia contemporanea concreta e viva quello dal titolo “Legalità e Perdono – dalla parte della vittima”, tenutosi mercoledì presso la sede del liceo classico.
Ascoltare, infatti, la testimonianza di Pinuccio e Lella Fazio, genitori di Michele, vittima innocente di mafia, nell’ambito del 3° Festival della Legalità, organizzato in collaborazione con l’associazione Nuova Umanità, è stato per gli allievi dell’istituto coratino come rivivere non solo un tragico episodio di cronaca, ma pure sussumere una indiscutibile lezione di verità.
Dopo il saluto del dirigente prof. Francesco Catalano, che ha fortemente voluto questo momento di grande valore formativo, il docente e scrittore Francesco Minervini, introducendo gli interventi dei coniugi, ha ricostruito con dovizia di particolari il panorama criminale di Bari Vecchia, al tramonto degli Anni Novanta, con la faida terribile fra Strisciuglio e Capriati. Fu proprio in uno scontro a fuoco fra bande dei due gruppi malavitosi, che il 12 luglio del 2001, venne barbaramente ucciso il giovane diciassettenne, mentre cercava di “parare con una mano il cd di Barry White, regalatogli dal fratello, quella sera stessa, come a voler difendere la musica, l’emblema della bellezza”.
Da quel momento, è iniziato il calvario che ha reso due titani della lotta antimafia l’ex ferroviere e sua moglie. Il primo ha preso a battersi per la giustizia, per far riaprire il caso dell’omicidio del suo piccolo, incredibilmente chiuso senza responsabili al primo grado, affinché al terzo venissero condannati finalmente gli assassini. La seconda è andata per le strade di quel centro storico famigerato, con una dignità granitica e antica, guardando negli occhi quei delinquenti, quei boss, quelle donne malvissute, che proprio non riescono a spiegarsi perché “quei due infami” non abbassino gli occhi quando li incrociano.
E così, da qualche anno, con Libera girano eroicamente per tutta Italia a raccontare la loro testimonianza, incantando e conquistando, ogni volta, tutti i ragazzi presenti.
E lo fanno senza mai aver paura, perché la corazza che li protegge sempre è il ricordo eterno del loro angelo Michele.

Articolo precedenteOspedale Umberto I: dal 1° dicembre niente più ortopedia. La politica che fa?
Articolo successivoL’assessore Concetta Bucci lascia il Pd: “Restituiró la mia tessera alla Segreteria Regionale”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.