Home Notizie da Andria ANDRIA – Onda d’Urto Onlus: si dimette il presidente Tony Tragno

ANDRIA – Onda d’Urto Onlus: si dimette il presidente Tony Tragno

0

Rassegna le sue dimissioni da presidente della Onlus Onda d’Urto ed esce dal Forum Ambiente di Andria. Tony Tragno annuncia in una nota ufficiale, dopo dopo cinque anni di passione e approfondita riflessione, la sua decisione di misurarsi con una nuova avventura, quella politica.

Era il 2015 quando, con altri amici e compagni di viaggio, ho intrapreso un percorso chiamato Onda d’Urto – Uniti contro il cancro ONLUS, con l’intento di sensibilizzare la comunità relativamente a temi quali la importanza della prevenzione primaria, la sensibilizzazione e informazione sul cancro e l’educazione ambientale“, ricorda Tony Tragno.

Questo percorso mi ha portato, nel tempo, a dedicare impegno e passione. Onda d’Urto ha promosso lo studio sui pazienti oncologici in età pediatrica (studio tutt’ora in corso) e organizzato manifestazioni, sit in, eventi di beneficenza, ha raccolto fondi per (T)urbanWave (turbanti per le pazienti oncologiche) e i dispositivi di protezione individuale per i pazienti oncologici andriesi, alcuni reparti dell’ospedale di Andria e il reparto di ematologia di Barletta, per i medici di famiglia e pediatri andriesi durante il Lockdown, mettendo a rischio la nostra incolumità pur di servire i nostri concittadini andriesi con patologien gravi (2 mesi intensi ed indimenticabili di ricerca dei DPI e la loro distribuzione)“, racconta Tragno.

L’ associazione ha chiesto con forza l’avvio della redazione del Profilo della Salute ed è stata fondamentale nella costituzione del “Forum Ambiente Salute Andria” con oltre 40 associazioni e tanto altro ancora. “Nutro grande affetto per quella che, mi si perdonerà la presunzione, ritengo essere in parte anche una mia creatura; ed è per via di tali sentimenti che ritengo opportuno tutelare Onda d’Urto, preservandola dalla più remota possibilità di strumentalizzazione“, spiega Tony Tragno.

E’ questa l’unica ragione che mi impone di lasciare la carica di presidente nelle capaci mani della dott.ssa Angela Somma che traghetterà l’associazione verso un’assemblea generale che eleggerà un nuovo direttivo – continua – tra i tesserati di Onda d’urto, e che individuerà il suo nuovo presidente o presidentessa“.

Ieri sera ha comunicato la sua decisione anche ai rappresentanti delle associazioni che compongono il Forum Ambiente Salute Andria: “Colgo l’occasione per ringraziare chi ha compreso le mie motivazioni, ma anche chi non lo ha fatto cercando con i fatti, come ho sempre dimostrato, di far cambiare loro idea sul mio conto e soprattutto facendo capire loro che non è il simbolo di appartenenza che rende una persona buona o cattiva“, scrive Tragno.

Un impegno sociale che è destinato comunque a non finire: “Continuo e continuerò sempre a condividerne la finalità, le azioni e mi impegnerò, in qualità di tesserato, a sostenere con forza ogni iniziativa che l’associazione intenderà perseguire“, rassicura Tony Tragno.  “Grazie a tutti coloro i quali hanno sostenuto l’associazione e che, ne sono certo, continueranno a farlo in futuro ed un grazie a tutti i cittadini che ci hanno permesso attraverso le loro donazioni ad avere oggi una base economica solida ed una sede fissa in via Romagnosi 102, aperta a tutti per ascoltarvi e confrontarci“, conclude.

Articolo precedenteANDRIA – “Ultimo giro”: primo singolo della band andriese Le urla
Articolo successivo“Spiga Verde 2020”: anche Andria tra i comuni candidati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.