Home News Se Sparta piange Atene non ride. Corato verso le amministrative

Se Sparta piange Atene non ride. Corato verso le amministrative

0

Il proverbio cita le due antiche città greche(Atene e Sparta), note per essersi trovate spesso in conflitto;  esattamente  fa riferimento alla condizione in cui si trovano le città alla fine della guerra del Peloponneso:  Atene ne esce sconfitta ma  Sparta di sicuro, nonostante la vittoria,  non  se la passa bene.  Forse è proprio in quel frangente di spazio, tra il piangere e il non  ridere, che potrebbe avere origine una nuova speranza.

All’ indomani delle dimissioni del sindaco Mazzilli, conseguenza diretta della crisi amministrativa che si trascinava da circa due anni, culminata come è noto dallo sfilamento dalla maggioranza di Noi con L’ Italia, il quadro politico a Corato  risulta molto complicato. Se dall’ opposizione, il centro sinistra non ha ancora avviato ufficialmente il percorso di individuazione del candidato sindaco; dall’ altro lato, a parte il manifesto del Centro Destra in cui si ribadisce la volontà di andare uniti al prossimo appuntamento amministrativo, nulla si muove almeno ufficialmente. Registriamo, al contrario, un certo fermento nell’iniziativa  “Rimettiamo in moto la città” ed in quella di alcuni movimenti civici  per coagularsi attorno ad una persona capace di interpretare i bisogni di un vero cambiamento. È interessante notare come questo bisogno, raccolto in più e diversi ambienti della società coratina, sia il vero motore che potrebbe riaccendere l’ entusiasmo per una nuova stagione amministrativa. Questo impulso civico potrebbe spingere tante persone a mettere da parte i propri rancori per trovare una figura capace, esperta, esente da conflitti di interesse con un profilo morale riconosciuto dalla comunità coratina,  desiderosa di  “svoltare”  per il bene di tutti. Saranno capaci i vari attori di fare uno sforzo in questa direzione? La gente è pronta ad un vero  cambiamento? Sta scoccando  “ l’ ora legale”?  Lo scopriremo solo vivendo con intensità, passione e  fiducia nelle persone per bene, serie  ed  affidabili che ci auguriamo  si affaccino in uno scenario politico, speriamo nuovo e rigenerato; e soprattutto che non si verifichi una frammentazione attraverso l’individualismo  che spesso ha contraddistinto la nostra politica locale, perché  questo potrebbe giovare ai soliti pochi intimi.

Molti sono già  i nomi che echeggiano nell’aria;  Coratini e Coratine,  in bocca al lupo a tutti noi!

Articolo precedenteToghe sporche: Flavio D’Introno da imputato a figura chiave L’inchiesta tiene banco, nuovi clamorosi sviluppi in vista
Articolo successivoLa green economy

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.