Home Cronaca Rimettiamo in moto la città, dopo i fatti di cronaca chiede più...

Rimettiamo in moto la città, dopo i fatti di cronaca chiede più sicurezza per Corato

0

COMUNICATO STAMPA

 

 

A poco più di un mese dall’attentato intimidatorio ai danni di un Carabiniere, un nuovo episodio di criminalità ha rotto la calma notturna della città di Corato.

In primo luogo, esprimo a nome mio personale e del gruppo “Rimettiamo in moto la città” piena solidarietà all’IMEVI e al vigilantes che questa notte, in via Belvedere, ha dovuto affrontare lo scontro a fuoco con i malviventi, sorpresi a rapinare un bar tabaccheria.

Come già ribadito lo scorso 04 dicembre, è necessario rafforzare la sicurezza in città, sia attraverso un sempre più rigoroso coordinamento delle Forze dell’Ordine e degli Istituti privati di vigilanza, sul piano urbano e intercomunale, sia chiedendo a gran voce a prefettura e Ministero degli Interni un aumento dell’organico della Polizia e dei Carabinieri, quotidianamente impegnati, con grande dedizione, nell’attività di monitoraggio del territorio e tutela dell’ordine pubblico.

Discorso a parte merita la Polizia Municipale, la cui mole di lavoro è ormai divenuta insostenibile, per  la cronica carenza di organico. Si tratta di un problema che va affrontato con urgenza, determinando le condizioni per poter assumere nuove unità operative.

A fronte dell’attività di controllo e repressione, va incentivata, contestualmente, la cultura della sicurezza, attraverso la riqualificazione dei quartieri e la collaborazione della cittadinanza nel denunciare tutte le forme di illegalità che turbano la vita privata e pubblica.

Particolare attenzione, a tal proposito, va riservata alla tutela delle attività commerciali, agricole e imprenditoriali, spesso, vittime di attività criminali legate al furto, all’estorsione, al danneggiamento e all’usura.

Insieme costruiremo una “legalità del Noi” per rendere Corato più sicura e vivibile.

Corato, 30 gennaio 2019

Corrado De Benedittis

#RimettiamoInMotoLaCittà

Articolo precedenteLa green economy
Articolo successivoLa bellezza sussurrata ad alta voce

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.