Home News Candidati Sindaco a confronto: il tema sulla corruzione scalda gli animi

Candidati Sindaco a confronto: il tema sulla corruzione scalda gli animi

0

Lunedì 13 maggio dalle ore 20.30 si è svolto, presso la Parrocchia della Sacra Famiglia, un confronto tra i 9 candidati Sindaco intitolato “La città che sogna”.

Sul palco i 9 candidati, seduti in ordine alfabetico, ad ogni domanda, hanno cambiato l’ordine in cui rispondere. L’incontro è stato scandito da cinque domande che i candidati non conoscevano e a cui, per par condicio, dovevano rispondere nel tempo massimo di 3 minuti, allo scadere del quale veniva tolto l’audio del microfono.

Dopo una prima domanda “conoscitiva” in cui gli ospiti si sono presentati esponendo i loro percorsi professionali, sociali e politici, sono stati affrontati temi attuali riguardanti il futuro della Città, come i giovani e il lavoro, la valorizzazione del territorio (centro e periferie), l’ambiente, l’inquinamento e l’elettrodotto, il sociale e i disabili.

Ma la domanda che più ha scaldato la platea riscuotendo i consensi del pubblico e che ha animato i “minuti contati” dei candidati è stata quella sulla possibilità di liberare la Città da corruzione, mafia, lobby e poteri forti che sembra rappresentino una vera piaga locale.

A differenza delle risposte più “diplomatiche e promotrici” dei precedenti argomenti, su questo tema le risposte sono state le più disparate e molto più cariche di pathos tra chi ha affermato che “questo non è un compito del Sindaco”, chi ha auspicato di “riportare i valori morali nella politica”, chi ha incolpato i cittadini perché “a tutti fa comodo il politico amico” e chi ha sottolineato di scegliere bene chi votare perché ci sono “candidati che fanno politica per passione e per il bene comune e altri perché ben sponsorizzati e per il bene di pochi”.

Non sono mancati momenti simpatici ad animare l’incontro; tra un candidato che ha perso il portafoglio sul palco e un altro che con onestà (marcata) lo ha raccolto e riconsegnato al proprietario e un altro candidato ad utilizzare erroneamente lo slogan di un antagonista per poi ammettere che è un bel motto.

Tale incontro, organizzato dai giovani della Parrocchia della Sacra Famiglia, rientra in un percorso formativo socio-politico che i ragazzi hanno intrapreso con l’Associazione “Cercasi un fine” di Cassano Murge.

Il confronto è stato egregiamente moderato da Rosa Siciliano, direttore editoriale della rivista “Mosaico di Pace” e membro del Movimento Pax Christi e dell’Ufficio Diocesiano per i problemi sociali, della giustizia, della pace e del lavoro.

So bene che voi lettori vorreste i nomi dei candidati che hanno esposto i concetti riportati, ma come testata giornalistica abbiamo scelto di non guadagnare dalle pubblicità della campagna elettorale per restare un giornale libero, ragion per cui non possiamo minimamente valorizzare o sminuire nessun candidato, ma ci fermiamo a raccontare i fatti.

Per questo vi consiglio di essere protagonisti della Vostra scelta, di tralasciare il consiglio dell’amico o l’intervista meglio remunerata e di seguire l’animata campagna elettorale che i 9 candidati e la ciurma di futuri consiglieri (peggio di una riunione di condominio) stanno portando avanti tra comizi, piazze e social. Le loro pagine Facebook sono serie e divertenti allo stesso tempo, perché ricchi di post propagandistici prontamente commentati dai comuni cittadini e anche dai colleghi a cui non rinunciano a rispondere o (come si può vedere) dando, addirittura, vita a duelli a suon di botta e risposta!!!

Negli appuntamenti nelle varie piazze, invece, potrete conoscere le persone, i personaggi e i loro programmi.

Articolo precedenteProgetto Media, Il 16 maggio la giornata conclusiva dell’ottava edizione
Articolo successivoIl Tasso (Meles meles) da sempre presente sulla nostra Murgia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.