Home Politica Biblioteca, i Giovani democratici all’Amministrazione: “A che punto sono i lavori?”

Biblioteca, i Giovani democratici all’Amministrazione: “A che punto sono i lavori?”

0

Nonostante siano passati due anni dalla chiusura della biblioteca per manutenzione – scrivono in una nota stampa i Giovani Democratici – denunciamo l’impossibilità di usufruire dell’unica biblioteca presente sul territorio Coratino.

In un comunicato stampa veniva detto che la biblioteca situata nel museo sarebbe dovuta esistere in quanto sede provvisoria della stessa.

Ravvisando riduzioni o defezioni del personale adibito all’apertura e alla tutela della Biblioteca, manifestiamo contro l’incuria politica e amministrativa con la quale le istituzioni competenti affrontano il tema del diritto allo studio. Nell’assenza di altri spazi dove poter studiare, e dopo aver chiuso il Laboratorio Urbano Open Space che forniva questo genere di servizi, ci mobilitiamo per richiedere non solo la possibilità di poter tornare ad utilizzare la biblioteca, che per le studentesse e gli studenti di questa città rappresenta uno spazio fondamentale di crescita, istruzione ed aggregazione, ma anche di sapere a che punto sono i lavori e se si sta procedendo in qualche modo per la riapertura.

Se il comune non è in grado e non ha le risorse adatte a far ripartire il servizio, si rende necessario un chiarimento da parte degli addetti ai lavori. Si dovrebbe predisporre di tutti i mezzi per garantire il diritto allo studio degli studenti e delle studentesse di Corato in spazi comunali ma non si spiega perché ciò non sia mai stato all’ordine del giorno tra le opere pubbliche finora realizzate.

Se ci sta a cuore l’uguaglianza nelle opportunità, non possiamo dimenticarlo: Finché nella maggior parte delle comunità esiste una biblioteca dotata di bibliotecari formati e aggiornati, l’accesso individuale alla nostra cultura condivisa non è determinata da quanto denaro si ha in tasca”.

Articolo precedenteUna classe dell’Oriani assiste per la prima volta a un Consiglio comunale
Articolo successivoUnapol presente al Gustus 2022, Loiodice: “Valorizziamo la dieta mediterranea, bene immateriale dell’umanità”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.