Home L'angolo della satira “U ficus Beniamine”

“U ficus Beniamine”

0

L’angolo della satira” a cura di Nemesi
Il vernacolo applicato alla satira politica e di costume.

Continua l’appuntamento della rubrica avviata la scorsa settimana con:

U ficus Beniamine

‘Ndo giardine de Necole
ogne chiande la matine
tanta fiure apre ‘o sole
tranne ‘u ficus Beniamine

Je na chiande ciunne amare
ca de fiure nan ne porte,
d’acque veve na quartare
ma re vrazzere so’ corte

Citte citte ma ‘mbettuse,
fasce l’arte ca nan’è a jedde,
cerche sembe ‘nguna scuse
pe’ fa fulmene e fascidde

Nan pare addà ste chiandate,
certe volte manghe ‘u siend,
‘u vide picciue e malecavate
ma è pesante pe’ treciende

Pare sande e timorate
quanne ve ret’a zezí
ma ci’u vide ch’è ‘ngazzate
nau pegghjà adacchessì.

Prime staje ‘nda na banche,
po’ è velute scì ‘o Comune,
l’ambizione nan le manghe,
na ste nudde pe nesciune!

Disce ca capisce de scole,
de tiatre e de culture.
Eh, speriame ca nan ne vole
menà assalute fregature.

Articolo precedenteLezioni in presenza, Emiliano: “Se vogliamo tornare a scuola dobbiamo prima vaccinare”
Articolo successivo“Sono Voci”: il calendario Pro Loco nella permanente “Singolare Plurale” del Festival Internazionale Graphic Days® di Torino

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.