Home Eventi Verso Sud con la “Festa agricola ISS!” a Terra Maiorum per guardare...

Verso Sud con la “Festa agricola ISS!” a Terra Maiorum per guardare avanti tra arte, musica e cultura

0

Si è conclusa ieri, alla Cantina Sociale Terra Maiorum di Corato la “Festa agricola ISS!” 2022, che ha compreso una serie di eventi di musica, danza, arte e cultura a partire dall’8 ottobre tra Corato e Ruvo di Puglia. “Lavorare stanca” ha prodotto questa serie di eventi con il sostegno di Direzione Generale Spettacolo, Regione Puglia, Comune di Corato e Comune di Ruvo di Puglia.
Dalle 11 alle 24 di domenica 23, la musica folk e popolare ha padroneggiato l’ambiente della cantina disegnando sui volti dei presenti sorrisi e serenità. Tra pranzo a sacco e musica, salottini ricavati da pedane e vino e tanti ospiti, la giornata ha assunto un sapore particolare, campagnolo ma moderno, quasi un ritorno ai valori che si teme di dimenticare. L’atmosfera particolare si è creata grazie anche ai vari partecipanti, artigiani locali e ai tanti ospiti. Duo Bucolico, Cesare Dell’Anna, Groove di Puglia (Bembe’, Peppe Leone, Tonino3000, Andrea Tartaglia), Dodecatonico, Carlo Massarelli e Federico Laganà, i Cantori di San Giovanni Rotondo hanno incantato e coinvolto il pubblico con la loro musica, ora di cantautorato illogico d’avanguardia , ora con suoni da festa balcanica, ora agro-demenziale, ora folk, ora a suon di tarantella. Come sempre strepitosa Claudia Fabris con la sua “Predica alle galline”: la sua arte e la sua poesia sono note in tutta la penisola. In mattinata il workshop di danze francesi a cura di Mina Morrelli ha trasportato tutti nel mondo magico del balfolk con le gioiose danze di cerchio, appassionanti mazurke, inebrianti scottish. “Importanti momenti di gioia e bellezza, in armonia con noi stessi e in sintonia con gli altri. L’ ecosistema culturale che vogliamo creare non deve essere fine a se stesso e agli eventi, ma un vero e proprio sistema, modo di vivere, che lasci la sua traccia nel territorio” : così Luigi Piccarreta e i suoi collaboratori hanno spiegato gli eventi e i loro obiettivi. Enogastronomia culturale, musica in acustico hanno caratterizzato il pomeriggio fino ai live serali con il messaggio che possono convivere organismi anche molto diversi tra loro in una struttura complessa, un ecosistema culturale appunto, in cui c’è armonia in una preziosa e reciproca interdipendenza.

 

Articolo precedenteDisfatta del Basket Corato: perde anche in casa contro il Pescara
Articolo successivoAtto vandalico ai danni di una cabina di rete fibra in via Matteo Renato Imbriani: disagio per gli utenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.