Home Eventi “Arte chiama Terra”: Fashion design e Performing Arts chiudono la rassegna dedicata...

“Arte chiama Terra”: Fashion design e Performing Arts chiudono la rassegna dedicata all’oleoturismo

0
Si conclude con un grande successo la kermesse Arte Chiama Terra, organizzata dalla Pro Loco Quadratum e finanziata dalla Regione Puglia – Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio attraverso l’Avviso 2022 per l’erogazione di contributi alle Associazioni Turistiche Pro Loco.
La serata conclusiva, svoltasi presso la Cantina Terra Maiorum, ha visto un connubio delle Performing Arts dove tradizione e contemporaneità si intrecciano in uno storytelling di abiti, accessori, luci, suoni, sapori e scrittura creativa.
Sulla scena il protagonista per eccellenza: l’ulivo. Un processo di narrazione visiva scandisce il lavoro e la vita contadina ed ecco in scena gli abiti di Antonella Di Trani e gli accessori di Rosa De Nicolo dal cui connubio è nato il Brand “Frammenti in Masseria” per una Donna che abbia la Puglia nel cuore, ovunque si trovi nel Mondo.
Quattro i quadri artistici legati dalla presenza delle comparse, interpretate da Vito Scatamacchia, Francesca Tarantini, Felice Strippoli, Maria Pia Paganelli. La rievocazione di un rito: la raccolta delle olive passando dall’albero alla tavola. Voci e detti dialettali che si fondono con la musica ambient, arricchita da elementi naturali e dai suoni del mediterraneo sapientemente mixati dal sound designer barese Marco Caricola.
La voce narrante e le poesie di Gerardo Strippoli imprimono un timbro vocale all’ulivo in un racconto in prima persona che accompagna la scena resa suggestiva dal gioco di luci ben disegnato come un abito su misura da Puglia Audio, riproducendo le varie fasi della giornata.
A completare il percorso i prodotti della cantina Terra Maiorum tra saperi e sapori locali.
“Lo sviluppo del progetto è un modo per consolidare le relazioni sul territorio e avviare processi partecipativi per ampliare l’offerta del turismo esperienziale legato all’oleo turismo e non solo” afferma il Presidente Gerardo Strippoli. “Un particolare ringraziamento va a chi ha lavorato dietro le quinte, alla sceneggiatura, allestimento, progettazione: Domenico Paganelli, Lucia Testino, Luigi Pomarico, Alberto Iurilli, Aldo Scaringella, Enzo Minafra, Angela Fasanella e tutti gli altri soci che a vario titolo hanno contribuito”.
Il lavoro della Pro Loco Quadratum va avanti e volge lo sguardo alla 43esima edizione del Carnevale Coratino.
Articolo precedente“Il tartufo nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia”: presentati i risultati del progetto
Articolo successivoPreoccupazione della D’Introno sul caso Asipu: “Modificato lo statuto ma la toppa è peggio del buco”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.