Home Eventi A Palazzo di Città con “Jack e il fagiolo magico” in scena...

A Palazzo di Città con “Jack e il fagiolo magico” in scena “La luna nel letto”

0

Lunedì 13 settembre ritorna il Murex 6.0 con il suo calendario.
L’appuntamento è presso il chiostro del Comune di Corato, alle ore 18:00, con la Compagnia Teatrale “La luna nel letto” che metterà in scena, per i bambini, lo spettacolo “Jack e il fagiolo magico – Una storia tra terra e cielo”.
L’iniziativa rientra in un progetto culturale più ampio, realizzato dalla Radio Italia Puglia Srl nell’ambito del “Programma Straordinario 2020 in materia di Cultura e Spettacolo” della Regione Puglia.
Con il patrocinio morale del comune di Corato e della Regione Puglia.

Per informazioni 080/8984954
Prenotazioni disponibili su www.vivaticket.com

Ve l’hanno mai detto che dei semplici fagioli possono essere magici?
Così magici da farci arrivare in cielo?
Ve lo hanno mai detto che si può correre a più non posso sulle nuvole?
Che non bisogna essere grandi e non c’è neppure bisogno del permesso?
E ve lo hanno mai detto che tra le nuvole si può trovare di tutto, anche un grande castello, e che nel castello…?
Cosa può accadere tra terra e cielo, si potrebbe raccontare per ore!
Una cosa è certa: quando sulla terra le cose si complicano, si può sperare nel cielo e, statene certi, tutto si trasforma in una grande avventura! Parola del piccolo Jack!

Ispirato ad una fiaba della tradizione orale inglese – la prima pubblicazione apparve nel libro The History of Jack and the Bean-Stalk, stampato da Benjamin Tabard nel 1807 – lo spettacolo racconta la storia di un bambino che pur essendo piccolo riesce a trovare il lieto fine alle sue disavventure, guidato dal suo istinto, dalla sua fiducia nella vita e dalla sua intelligenza.

Una storia emblematica che una attrice, anche burattinaia e macchinista come Maria Pascale, restituisce al pubblico dei piccolissimi e dei suoi accompagnatori attraverso il gioco della narrazione e della messa in moto di una macchina scenica di piccole dimensioni, raffinata, intrisa di dettagli, marchingegni, giocattoli, segni, sguardi e visioni pittoriche.
Il risultato sulla scena è un mobil fatto di parole, gesti e materia che crea la storia nel gioco, strada maestra della conoscenza della realtà e dell’animo umano.

Articolo precedenteNota non richiesta a risposta di Corrado De Benedittis a Franco Cannillo
Articolo successivoAvviso pubblico: cercansi locali per le scuole, domande entro il 13 settembre

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.