Home arte “Icons” di Vincenzo Mascoli ospite al Cultural Program 2022 al Me Milan...

“Icons” di Vincenzo Mascoli ospite al Cultural Program 2022 al Me Milan Il Duca

0

Me Milan Il Duca inaugura la propria stagione culturale con il primo evento dedicato ad arte e cultura, in programma in hotel giovedì 7 aprile 2022 dalle 19:30.

In un dialogo sull’arte pop contemporanea, l’appuntamento inaugurale del Cultural Program 2022 vede la collaborazione del Gruppo Avangart di Nicolò Giovine e Sebastiano Pepe.

Ospite dell’evento, l’artista e scenografo pugliese Vincenzo Mascoli, che presenta “Icons”. Il progetto ricerca e attualizza diverse icone pop che fanno da sfondo e da colonna sonora, proprio come nella vita reale, a noi e ai nostri ricordi.
I dipinti di Mascoli sono un repertorio di immagini tratte dalla quotidianità, i suoi soggetti sono presenze serene nel caos cittadino, elementi del grande gioco che è la vita. Nelle opere di “Icons”, tutto concorre a creare il senso di straniamento dalla realtà, a definire un fuori fuoco immaginario che, superando i limiti reali della superficie, si può prolungare all’infinito, dove il soggetto predominante diventa lo spettatore e il suo “io fanciullo”.

“Cosa siamo diventati, rispetto al grande flusso oggi dilagante?. È questa la domanda che si pone Mascoli e su cui ci invita a riflettere, riconoscendo all’arte una prerogativa speciale: la capacità di bloccare ciò che di per sé tenderebbe a essere un ‘’panta rei’’ in continuo movimento e a lasciare segni più labili nella nostra coscienza, individuale e collettiva”, dice di lui il critico d’arte Vittorio Sgarbi.

NOTE

Nato a Corato, in provincia di Bari, nel 1982, Vincenzo Mascoli è anche Direttore di scena presso il Teatro Comunale di Corato dal 2012. Dopo la laurea e la specializzazione in scenografia e pittura all’Accademia di Belle Arti di Bari, Mascoli vince la borsa di studio in pittura e scultura “Franco Zeffirelli Scholarship’’ a New York.
L’artista espone in personali e collettive, tra cui “La strada con la valigia”, National Academy, New York, (2008), Triennale CRT/Teatro dell’Arte, Milano (2008), “L’Arte in Viaggio”, Galleria Belle Arti, Barcellona (2010), “Il viaggio”, Pinacoteca Albatros, Mosca (2011) , “Gutai”, San Francisco Art Institute, San Francisco (2013); e lavora come scenografo anche per Festival della Arti Russe, Mosca (2015), Cenerentola 2.0, Milano Art Ballet (2018).

 

 

Articolo precedenteAutismo, Piarulli: «Le famiglie fanno già tanto, ma lo Stato non le lasci sole»
Articolo successivoLa “Patata Bollente” della questione Asipu in Commissione Consiliare Bilancio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.